LUCY WANDERS

Solipsismo di un pianeta

(all images credit: 8-bit Stories)

Il mio pianeta è iridescente, vaporoso nel silenzio interstellare. Ha infiniti emisferi, sinapsi violacee e sdrucciolevoli; anelli indulgenti e luminosi, sedici, come gli anni che compio ancora e per sempre.

Sul mio pianeta ogni cosa non si fa né si osserva; con branchie sorridenti ci si nuota dentro, diventando i se, i , i con. Tutto è dismisura e mai strappo.

Il mio pianeta ospita la fioritura uterina, le vocali soffuse, i petali alati; le migliori intenzioni, lo zenit, le suture.

Consacra i semi, l’agnizione, la morte termodinamica dell’universo. Sopravvive.

Odora di dolore rosato, di piacere bianco, di lampone e di ovatta.

Sul mio pianeta niente è ridicolo e tutto è necessario. Nessuno manca, gli occhi e i raggi e le frasi coincidono.

Climax e anticlimax proteggono la formula: sospensione, rinvio, ripetizione ed esattezza. Nero non ce n’è, dietro un’eco di scintille. Solo germogli in gelatina; proiezioni di iperboli, spirali, decisioni che si incontrano all’infinito, per scoprire che avevano ragione. Bende non esistono.


Abitare il mio pianeta basta a riempire una vita, liquida e perfetta, ma non quella meglio spesa.


Ogni tanto riscendo sulla terra – si chiama ipomania.


Sogno un nuovo big bang, una nuova assegnazione, neurotrasmettitori fedeli all’equazione; oppure un letto bianco numerato, un pigiama azzurro e un monitor irradiante, più uno scafandro spaziale con quanto basta di ossigeno.

Categorie:LUCY WANDERS

Con tag:,

34 risposte »

  1. Mi hai fatto pensare questo: sì, se ricominciassimo tutto da capo? Ma da capo, da capo, da capo… proprio dall’inizio.
    ‘Sto Big Bang è un po’ troppo sopravvalutato, in fondo non è altro che il classico colpo di culo (e poi bisogna vedere alla fine, se è stato veramente culo).
    Belle le immagini neodivisioniste.

    • Le immagini le amo, la ragazza che le fa è bravissima! Comunque sì, quoto la sopravvalutazione del big bang 🙂 Infatti se alla fin fine mi offrissero di ricominciare da capo probabilmente declinerei con cortesia ;D

  2. Qui sei troppo difficile per la mia mente piatta. Sto cominciando ora a comprendere la terra, un altro pianeta a tuo uso e consumo non riesco proprio a figurarmelo.
    Pero’ l’importante e’ che ce l’abbia tu chiaro in mente 🙂
    ml

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.