STRANGE AUSTRALIA

Test: Qual è il tuo australiano interiore?

Che non abbiate mai messo piede Down Under o che ci viviate ormai da anni, poco importa: dentro ognuno di noi c’è un australiano, che sonnecchia da qualche parte nell’inconscio, interrompendo i pisolini solo per smangiucchiare una tartina al Vegemite. Se siete qui è perché volete conoscerlo meglio, in modo da liberarlo quando serve!

IL TEST

test dell'australiano interiore

Rispondete alle dieci domande, trovate la cifra (1-5) che avete selezionato più volte, e il profilo corrispondente. Fatemi sapere nei commenti se il vostro australiano interiore vi garba – o se vi delude più di un’insalata con l’ananas!


  • LA TUA VACANZA IDEALE:
    1. Al paesello d’origine, uscendo dalla tua stanza solo per andare a tavola con i parenti e litigare per l’eredità di nonna
    2. Avventura nell’Outback: chitarra, ragni in tenda, falò, cielo stellato e rutto libero
    3. Bali: snorkeling, selfie e Photoshop
    4. Crociera all inclusive – con il record di solo un paio di suicidi
    5. Dieci giorni nel Vecchio Continente con la Lonely Planet “Europa”

  • DA MANGIARE ORDINI:
    1. Pizza al trancio ignorante
    2. Polpette di canguro al sugo di erbe aromatiche
    3. Toast alla crema di avocado, con beverone di proteine a parte
    4. Shnitzel XXL con imitazione di salsa tartara
    5. Buddha Bowl gluten free, patate fritte e centrifugato di spinaci

Buddha bowl

  • IN CIMA AI TUOI VALORI:
    1. Il multiculturalismo
    2. Resistere, sempre
    3. Fermare il cambiamento climatico
    4. Il danaro (tutti gli altri mentono)
    5. Amicizia, amore e vendetta

  • CHE ANIMALE SCEGLI?
    1. Vombato: tenace e compatto
    2. Cacatua: disagiato e cacofonico
    3. Coccodrillo: esotico e sornione
    4. Dingo: libero e fiero
    5. Koala: artigliato e coccoloso

  • L’ATTORE CHE VAI A VEDERE:
    1. Xavier Bardem
    2. Morgan Freeman
    3. Leonardo Di Caprio
    4. Harrison Ford
    5. Chris Hemsworth

  • MAI SENZA:
    1. Netflix
    2. Maria Giovanna
    3. Preservativo
    4. Membership card
    5. Pillola del giorno dopo


  • LAVORO:
    1. Autista di Uber con cinque stellette su quattro
    2. Divano e reddito di cittadinanza
    3. Arrampicata sociale: da sguattero a barista trendy
    4. Direttore di cantiere (o di centro anziani)
    5. Agente immobiliare con l’agenda piena di gattini

  • DRINK:
    1. Moscow Mule (mangiandoti anche le fette di cetriolo)
    2. Long Island doppio in tazza grande
    3. Birra Pale Ale in happy hour
    4. Lambrusco imbottigliato personalmente
    5. Daiquiri frozen alla fragola

  • POLITICA:
    1. Ghost writer sottopagato della biografia di Martin Schulz
    2. Anarkia unika via
    3. Gli adesivi con la faccia di Greta Thunberg
    4. Mike, do la soluzione
    5. Citofonare ore pasti (e non ti fai trovare)

  • AMORE:
    1. Via Skype
    2. Su Youporn
    3. Da Instagram
    4. Figli e televendite
    5. Venerdì dopo le 18

PROFILI

1: Neo-immigrato venuto giù con la piena

Devi fare ancora molta strada prima di poterti dire Aussie. Tieni un blog in cui ti vanti della lezione di prova di scuba diving comprata con i coupon, e condividi foto brutte ma con il logo in sovrimpressione, per evitare che te le rubino.

La tua vita è come la graffetta che disperatamente tiene insieme il plico di documenti da consegnare all’agente di immigrazione: precaria e pronta a sfasciarsi al minimo intoppo. Per fortuna però hai trovato l’escamotage per restare, iscrivendoti a una scuola spilla-soldi e intanto facendo due lavori in nero e uno regolare. Il plus? Dai ripetizioni a distanza su Skype da dietro al volante del tuo Uber, per donare un po’ di istruzione a questi rozzi mandriani. Ignori solo che, mentre applichi per il rinnovo del visto, da qualche parte in patria un linguista muore. Riesci comunque a suscitare invidia nel turista che, dal sedile posteriore, si beve il tuo convinto entusiasmo per la vita creativa e per niente faticosa che ti sei inventato; te lo ritroverai l’anno dopo nei panni di un autista concorrente, tuo clone.



2: Aborigeno disagiato

Con il cuore sei rimasto intrappolato a quel brutto giorno in cui dalle acque del mare spuntò un vascello, e da esso scesero omini bianchi che, in barba all’ottima accoglienza ricevuta, ti presero a calcioni, ti rubarono i figli per mandarli in collegio e poi, non soddisfatti, ti attaccarono pure qualche malattia infettiva. Questa ingiustizia primigenia governa la tua vita, che trascorri nei panni del ribelle senza aver notato che, nel frattempo, stai per compiere cinquantasette anni e non riesci più ad andare al cinema senza interromperti per urinare. Sogni il ritorno a un mondo autentico in cui essere libero esprimere il tuo disagio in versi melodiosi da far subire ad altri, e di credere in fantasiose divinità animali che non giudichino il tuo consumo compulsivo di alcool del discount. Possibilmente mantenendo il sussidio che lo Stato ti versa per lavarsi la coscienza!


3: Backpacker hipster finto-ecologista

Hai deciso di salvare il mondo: bravo! Indossi sempre lo stesso paio di jeans e di ciabatte, e ti batti contro gli sprechi di qualunque cosa, anche degli anni di vita passati a lavorare onestamente. Chiami amici e conoscenti “mate”, ma non esiti ad abbandonarli se si rifiutano di seguirti in infradito tra le liane della foresta pluviale, per indottrinare le iguane sul riscaldamento globale. Nessuno ha mai capito davvero se ci sei o ci fai. Una sera con il tuo minivan ti sei distratto un attimo e hai investito un canguro, ma per fortuna non c’era nessuno per postare il fattaccio sui social, quindi è come se non fosse mai accaduto.



4: Aussie D.O.C.!

Complimenti! Non ti manca proprio nulla per pavoneggiarti da vero Aussie duro e puro. Nell’800 saresti stato tra quelli che trovavano l’oro e aprivano un business di locomotive su rotaia. Oggi hai fatto i soldi con la fabbrichètta, tua moglie compra antiquariato brutto e dona soldi alle charities, e i tuoi figli sono dei rispettabilissimi teenager già espertissimi di ogni tipo di droga.

Da quando ti hanno fatto notare la pancia da birra, ti sei dato a Bacco e sei diventato socio di un vitigno nella Yarra Valley. Inviti gli amici per degustare formaggi da abbinare ai vini, e dai la mancia al ragazzo che da dietro al bancone ti ricarica il calice con un’annata dietro l’altra. Ma tu non sai che, nella civiltà vera, è buona pratica almeno sciacquare il bicchiere – se non proprio sostituirlo – tra un assaggio e l’altro, e ingolli felice anche il residuo di mistura con l’aria da intenditore.


5: Impiegata elegante fuori e tamarra dentro

Sei come Jekyll & Hyde. Di giorno fai carriera, con il badge appeso al collo sin da quando fai colazione; di sera sfoderi un minuscolo vestitino bianco, tacchi a trampolo e ti dai all’ebbrezza, fino a scordarti pure il nome delle tue tre sorelle ugualmente (s)vestite. Peccato che, quando le sorti della tua vita si decideranno durante un colloquio per una posizione da Senior Executive all’Excelsior di Londra, le tue volgari ciglia finte, le unghie da escort pentita e il collo scottato dalle ore in spiaggia tradiranno le tue origini di sangue ex galeotto, e l’opportunity andrà a una svedese in mocassini che parla quattro lingue. Per lo scorno tornerai al paesello nel South Australia e ti incrosterai in un’immobile carriera di receptionist presso la famosissima art gallery di Oodnadatta.


Allora, che australiano siete? 🙂


Ringrazio Giovy Malfiori del blog Emotion Recollected in Tranquillity, che con un suo test per viaggiatori sull’Inghilterra mi ha dato lo spunto per questo post. Cheers, Giovy!


Segui Lucy su Facebook!


97 risposte »

    • Ah ma intendevi che è il tuo risultato? Ahah ora rido io! Che invece sono l’aborigeno disagiato 😀

    • Idem! Sorelle di tamarraggine 🙂

      Le mie risposte:

      5: Impiegata elegante fuori e tamarra dentro

      LA TUA VACANZA IDEALE:
      Crociera all inclusive – con il record di solo un paio di suicidi
      Se mi devo sbattere non è vacanza!
      E i suicidi sono pittoreschi.

      DA MANGIARE ORDINI:
      Polpette di canguro al sugo di erbe aromatiche
      Una vera bistecca di canguro si può avere?

      IN CIMA AI TUOI VALORI:
      Amicizia, amore e vendetta
      Nulla da aggiungere.

      CHE ANIMALE SCEGLI?
      Koala: artigliato e coccoloso
      Come me.

      L’ATTORE CHE VAI A VEDERE:
      Morgan Freeman
      Sesso, sesso, sesso!

      MAI SENZA:
      Netflix
      Ad avercelo.

      LAVORO:
      Divano e reddito di cittadinanza
      Ma anche dolcetti.

      DRINK:
      Lambrusco imbottigliato personalmente
      In alternativa, Malvasia.

      POLITICA:
      Citofonare ore pasti (e non ti fai trovare)
      Preferisco i Testimoni di Geova, piuttosto.

      AMORE:
      Venerdì dopo le 18
      Per il resto della settimana, chiamatemi dolcezza.

      • Che bellezza! ^_^

        La bistecca di canguro puoi averla, l’ho mangiata solo un paio di volte ma è una carne veramente buonissima. Le polpette (di wallaby, ben più che di canguro, in realtà) esprimono bene il disagio, perché inspiegabilmente invece sono cattive. Una volta stavo per vomitarle e io sono di bocca buona.

        Una crociera prima o poi la vorrei provare!

        Harrison Ford. Da quando avevo 14 anni 🙂

  1. Accalora, funziona, tranquilla. Ci sei ancora.
    Poi, in merito al fatto che tu KM l’abbia sentita nominare, già è più che sufficiente per ampiamente assolverti.
    Tra l’altro, leggendola, essendo stata la tipa un’accanita viaggiatrice e acuta e salace osservatrice di costumi e caratteri, potresti perfino trovare il piacere di un tè con un’amica.

    • Infatti mi ispira molto, grazie per avermela ricordata! 🙂 Ho una pila di libri sul tavolino, comprati in Italia, e pochissimo tempo per leggerli, ma piano piano!

  2. Ci scommetti?… che mentre tu, cuore e mente a pieni giri, compilavi il tuo test, un’australiana con cuore e mente altrettanto, era dedita a compilare il suo di test: Qual è il tuo europeo interiore?

    Nota: ricordando bene le tue disgustose predilezioni alimentari dovresti trovarti bene con l’orrido elenco da citato. O sei peggio?…. Non dirmi ciò….

    • L’idea di un’australiana che pensi con curiosità al suo europeo mi riempie di gioia, grazie per avermela suggerita! ^_^
      L’elenco culinario effettivamente è succulento, tranne la pizza ignorante 😛 Io sarei per schnitzel toda la vida, ma non voglio mangiare i polli, perciò vivo male!
      Ma piuttosto, il tuo australiano chi è?

      • È quello dell’aborigeno disagiato sebbene con le ovvie rettifiche del caso.
        A parte i vascelli che sbucano dall’Africa, che se è per quello ci sono anche le frontiere dell’Est a irrorare da decenni il sacro suolo patrio, alla faccia di Salvini e dei suoi seicentomila ecc. – il guaio è che mi sento occupato dagli stessi miei connazionali, tra Salvini e ndrangheta, mi viene in mente l’occupazione spagnola a Milano, citata dai Promessi Sposi, con i Bravi di Don Rodrigo.

        • Batti cinque, abbiamo lo stesso profilo! E per dirti la verità, mi sento occupata dagli italiani persino io che sto qua, perciò solidarietà!
          Però poi mi mancano, anche. Non ne esco. Mai.

  3. Aussie Doci. Tranne che non ho avuto una carriera di bevitore di paglia prima di darmi a Bacco! Mai visto un aborigeno del Médoc sciacquare il suo bicchiere tra due assaggi. Di solito, sono gli australiani frescamente sbarcati che fanno questo tipo di cose strane. 😉

    Bonjour Lucy,

    Alex

  4. Dimenticavo… Certamente conoscerai Katherine Mansfield, neozelandese di nascita, cresciuta australiana poi britannica e poi e poi… bel tipetto e caratterino, specialista di racconti fulminanti, dal piglio attualissimo – fosse viva – sarebbe una blogger fulminante.
    Ha un modo che (almeno a me, ho ben chiaro che i gusti in fatto di letture sono molto-molto soggettivi) coincide con il mio.
    Se non l’hai mai letta e, a maggior ragione se ne ignoravi l’esistenza – dovresti sentire un folletto nello stomaco calciarti. (Non sono il suo agente post mortem).
    Se esagero, confido nella tua comprensione.

    • A me piace sempre tanto quando qualcuno si accalora (per così dire, sto dimenticando l’italiano probabilmente) per raccomandare qualche scrittore, quindi hai fatto bene! Thanks! Lei l’ho sempre sentita nominare ma mai letta. Prima o poi rimedierò. Sto pian piano ricominciando a leggere come si deve 🙂

  5. Woohoo, pare che io sia una fantastica impiegata elegante fuori e tamarra dentro. Tralasciando le desinenze in -a direi che mi si addice. Oddio, magari non così elegante fuori, facciamo che metto una camicia e la si chiude lì. Tamarro dentro invece lo sono!

  6. Impossibile aderire a una categoria piuttosto che un’altra: sono tutte da perdenti!
    Scrivi di un sacco di cose che neppure conosco, però apprezzo molto lo stile, l’ironia, il sarcasmo corrosivo. Ma che brava che sei! 🙂 Mi sono sbellicato a leggere in particolare i profili (non mi rispecchio in nessuno, però)! 😀
    Beh, almeno compare l’anarchia in un’opzione… So’ soddisfazioni per noi anarchici dimenticati dal mondo. 😉

    PS: la prossima volta, osa di più: realizza 9 profili in base all’enneagramma! 😉

    • Ahah! 😀 In effetti ce n’erano altri di profili papabili, ma poi sono anche pigra. 😀 Però a parte l’aborigeno poveretto, gli altri a modo loro sono convinti!

  7. ah ah ah eccezionale il tuo test!! Ci ha beccato in pieno: io sono impiegata modello fuori ma tamarra dentro e non c’è nulla di più vero, si geniale!!!!

  8. No vabbè, non finiscono più di ridere 😂 ho sommato i punti invece di vedere se erano più risposte 1,2.. comunque visto che sono ad un punteggio alto mi attribuisci agli ultimi profili!

  9. Ahahah i tuoi post mi trasmettono sempre molta felicità!!! Sei bravissima a scrivere e mentre ti leggo mi chiedo “ma questa frase come le è venuta?!?!” ahahah, tipo “mai senza…” ahahah, sto ancora ridendo!!! Comunque tra “vacanza ideale” e “attore che vai a vedere” ho scelto tutto!!! Non sapevo cosa scegliere, quindi ho messo un tick su ogni voce 😉

    • Finalmente un Aussie DOC, bravo!
      Io adoro i test, anche se di solito mi vengon fuori risultati che proprio boh 😀

  10. Sono morta tra le risposte e quello che mi è uscita: elegante fuori e tamarra dentro! Colpita ed affondata!! L’ultima risposta “venerdì dopo le 18” mi ha stesa! Così come mi farei stendere volentieri da quelle polpette di canguro!

        • È buono sempre, carne gustosa, sana e magra! 😁 (Ciò detto io non mangio quasi più animali, mi capita giusto se sono a cena fuori e non ho scelta… In quel caso me la godo 😋)

  11. Io sono un mix di tutto. Ma come si fa? Comunque l’Australia mi manca sempre più. Ho una nostagia senza fine 🙂

    • Davvero? Non so se dirti che mi dispiace o che sono contenta… la prima per le ovvie ragioni, ma è bellissimo anche aver messo radici in un luogo e sentirne la forte mancanza.

  12. Qualche domanda mi ha messo in crisi facendomi sentire come i concorrenti di Mike Bongiorno con le cuffie strette sulle orecchie, ma alla fine ce l’ho fatta e ho scoperto di essere un’aborigena disagiata!
    Bellissimo test, spero ne riproporrai presto un altro 😘

  13. Mi è uscito 3, ma non mi ci vedo molto! Non sono l’esempio di Backpacker …anzi 😉 Però è stato davvero molto divertente fare questo test.

    • Forse il 3 si riferiva a Mattia… l’hai fatto tu ma il sistema ha visto due nomi e si è confuso! 😀

  14. Ti adoravo già prima. Ma dopo questo test (che, dannazione, funziona!) ti adoro ancora di più! PS io sono una backpacker hipster e Leo è un aborigeno disagiato 😂

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.